Snab2016- Quattro racconti per Mohamed Khaira Cisse

scuola di scrittura, narrazioni, scrivere, raccontare, storie, nofiction, wuming, nausika, arezzo, firenzeLa ricerca e la costruzione di storie è un percorso affascinante, ma faticoso, soprattutto se si parte da una vicenda come quella di Mohamed Khaira Cisse il ragazzo che il 5 giugno 2003 fu ucciso da un carabiniere intervenuto per un Trattamento Sanitario Obbligatorio. Una vicenda triste, grave che di sé ha lasciato poche tracce: documenti giudiziari e qualche articolo di giornale. Sono questi i documenti che Wuming2 ha fornito alla classe nel corso delle sue lezioni. Aver avuto una guida autorevole, aver condiviso tutte le fasi del processo narrativo si è rivelato estremamente prezioso nel maneggiare una storia tanto delicata. E così, dopo mesi di studio, scrittura e revisioni incrociate, la classe ha prodotto 4 racconti, liberamente ispirati alla vicenda di Mohamed Khaira Cisse. Potete leggerli su Giap, il blog del collettivo Wuming nella raccolta “5 giugno: Quattro racconti per Mohamed Khaira Cisse“.

Pubblicato in Alessandra Vuoso, Andrea Mancini, Chiara Aurora Gagliano, I cercatori, La Scuola di Narrazioni, Le storie, Luca Pappalardo | Contrassegnato , | Lascia un commento

La paura ci fa crescere: intervista a Lucia

scuola di narrazioni, scrittura, corso, firenze, arezzo, nausika, imparare, raccontaredi Valentina Di Fatta

Da bambina avevo paura del buio.

Mi capitava di non riuscire a dormire perché avevo paura delle ombre che si riflettevano sul muro, sembrava che mi volessero aggredire. Chiamavo quindi mio padre il quale si avvicinava, mi rassicurava e infine si sdraiava accanto a me. Allora io mi sentivo forte e non guardavo più le ombre con occhi pieni di paura, ma con un coraggioso senso di sfida.

Da grande il buio mi fa paura solo se ci penso.

Le ombre che si riflettono sulla parete ora sono diventati demoni. Il demone del denaro è quello che mi terrorizza di più. La paura di rimanerne senza esula dal mio controllo, la paura di non adempiere ai miei oneri sfocia nel timore di subire una sanzione. Adesso chiamo me, quella parte di me che ho imparato ad amare e che non mi infastidisce più avere accanto. Mi sdraio accanto ai miei demoni e piano piano trovo la forza per guardarli dritti negli occhi senza paura. I demoni li combatto costruendoci sopra.

[Il racconto di Valentina è il risultato di una micro-intervista, svolta durante la lezione di Saverio Tommasi]

Pubblicato in I cercatori, Le storie, Valentina Di Fatta | Contrassegnato , | Lascia un commento

SNAB2016: ricerca delle idee per il project work #3

Scuola di Narrazioni, storie, raccontare, scrivere, project workChi di voi da grande avrebbe voluto fare l’archeologo o l’archeologa? Immaginiamo già i vostri sorrisi, mentre pensate a Indiana Jones o Alberto Angela. Ma chi di voi da grande avrebbe voluto fare il benzinaio, la parrucchiera…la commessa?
Su suggerimento del nostro tutor Simone Giusti, proponiamo un estratto del racconto “Quel che non ricordo più” di Valeria Parrella, dalla raccolta Mosca più balena, Roma, Minimum Fax, 2003. Lo abbiamo letto a lezione e lo condividiamo con piacere con voi che ci seguite  Continua a leggere

Pubblicato in Appunti, La Scuola di Narrazioni | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Silenzio e rumore a suon-di-libri

di Chiara Aurora Gagliano; Foto di Alessandra Vuoso

booksoud, arezzo, matcos y marcos, libri, scuole, lettura ad alta voce, scuola di narrazioni, firneze, nausika

Ph: Alessandra Vuoso

Quando ho visto la prima classe entrare nel Teatro Vasariano di Arezzo, lo scorso lunedì 23 maggio, ero nel bel mezzo di una piccola prova: noi volontari LaAV ci stavamo preparando per dare ai ragazzi ospiti un piccolo assaggio di lettura ad alta voce, anzi, #adaltavoce. In una manifestazione come Booksound – I libri alzano la voce, promossa dal lavoro incrociato della rete nazionale dei Circoli LaAV e della casa editrice marcos y marcos e finalizzata alla diffusione della lettura nelle scuole, ci sembrava un bel regalo da fare. In pratica, Booksound è un invito per docenti e dirigenti scolastici, ma soprattutto per le loro classi, per i loro ragazzi. Leggete un libro, componete una storia con le pagine di questo libro, rivisitatela, interpretatela, registratevi mentre leggete, sceneggiatevi, filmatevi: questo lo scopo del gioco. Continua a leggere

Pubblicato in Chiara Aurora Gagliano, Eventi, I cercatori, Le storie | Contrassegnato , , , | Lascia un commento